Tasto dolente

Ho raccontato alla psicologa che, grazie al lavoro che sto facendo assieme a lei e all’esempio della mia amica che citavo nel post precedente, sono riuscita a dominare la rabbia e a parlare a mia mamma senza mancare di rispetto né a lei né a me. Un caso significativo è questo: mia mamma mi interrompe continuamente, ed è una cosa che mi fa malissimo oltre a farmi impazzire di rabbia. Qualche giorno fa le ho spiegato che se lei si comporta così mi ferisce, questo mi porta a chiudermi e ad allontanarmi da lei, e che se non cambia atteggiamento mi perderà La psicologa mi ha fatto i complimenti per questo, e mi ha detto che devo riconoscermi di essere stata brava. Io dentro di me pensavo che devo essere felice di questo, ma non sentivo certo che fosse merito mio, ma ovviamente non ho espresso questo pensiero. Quando stavo prendendo nota dei punti saliente della seduta  per evitare di dimenticarli, qui mi sono incantata e non riuscivo ad andare avanti. La psicologa mi ha fatto notare che non era un caso se proprio quando dovevo riconoscermi di essere stata brava mi ero bloccata. Secondo me quella donna ha poteri jedi.
Annunci